Dispositivo ECG con stampante integrata

  • Ates Medica Device, 2012

L’incarico progettuale ha per oggetto il design di un case per apparecchio ECG a marchio Ates/EB Neuro. Non è escluso che il case possa equipaggiare anche moduli, elettronica e componentistica differenti in grado di erogare altri tipi di terapie o diagnosi oltre alla ECG. L’apparecchio ha un alloggiamento per l’inserimento di un tablet che si connette via cavo fornendo così schermo e tastiera touch-screen per il controllo delle funzioni della macchina. Il prodotto è inoltre caratterizzato dalla presenza di una tastiera a membrana che raccoglierà i principali tasti-funzione, un Encoder che ha funzione di selezione e/o regolazione dei parametri di funzionamento della macchina e sarà caratterizzato da retro-illuminazione indicante lo stato di attività della macchina, una stampante termica completa di vassoio porta-carta estraibile e di uno sportello premi-rullo apribile. Considerando che la stampante sarà disponibile in 2 modelli differenti, il vassoio prevedrà paratie di adattamento ai 2 formati cartacei previsti. I bassi numeri di produzione limitano il budget allocato per stampi e attrezzature di produzione, pertanto lo stampaggio ad iniezione riguarderà la sola realizzazione del Coperchio, l’elemento di maggior impatto estetico sul design complessivo del prodotto. Approfittando dell’alta definizione di questa tecnologia, la maggior parte degli elementi plastici tecnici (torrette di fissaggio, sedi, scarichi, finestre, nervature, recessi, ecc.) sarà realizzata proprio sul Coperchio, così da evitare il più possibile operazioni di ripresa sugli altri pezzi (tagli, incollaggi, saldature, ecc.). A completare il layout del prodotto vengono infatti previsti una cornice, realizzata in lamiera (taglio laser ed eventualmente piega/calandra) che ha la funzione di assicurare il tablet al coperchio del case, e capace di adattarsi alle dimensioni del display in quanto la tecnologia realizzativa consente eventuali modifiche del disegno del pezzo, ed un fondo, realizzato per termoformatura (stampo in alluminio), che ha una funzione di chiusura della parte inferiore dell’apparecchio, anche se è possibile che vi vengano alloggiati alcuni ingombri tecnici, quali il trasformatore ed il pacco-batteria. Dalle pareti del fondo affacceranno diverse porte e connessioni, oltre alla presa di rete, all’interruttore generale di On-Off e alle griglie di aerazione: sarà quindi necessario riprendere il pezzo con tagli e fresature CNC e a tal proposito è ipotizzabile il ricorso a griglie e cornici realizzate in carpenteria metallica da applicare al termoformato.

Peperosso ha sviluppato un design caratterizzato da tratti decisi, ammorbiditi da ampi raccordi. Una sorta di cornice corre tutt’intorno al pannello frontale, bordandone gli spigoli ed evidenziando ulteriormente il design dal forte carattere. Per dare più movimento all’estetica complessiva e snellire gli ingombri del prodotto, la cornice presenta 2 anse rientranti, anse che delimitano i recessi che fanno da sede alle fustelle adesive riportanti la grafica ed il logo aziendale (lato superiore), e la tastiera a membrana (lato inferiore). Tale elemento di cornice può inoltre essere ripreso come spunto per ricondurre eventuali prodotti futuri ad una logica di family-feeling che rafforzi l’immagine Ates Medica Device. L’apparecchio si presenta come un prodotto tablet-based: il touch-screen del tablet raccoglie la maggior parte degli elementi di interfaccia, sebbene i comandi principali vengano ripresi da alcuni tasti-funzione alloggiati sotto il tablet; nella parte superiore, simmetricamente rispetto alla tastiera a membrana, è stata ricavata un’area per l’uscita di feedback acustici, o per l’affaccio di connessioni e lettori di SD card, o di semplici fessure d’aerazione che agevolano un effetto camino di raffreddamento sulla componentistica interna. Tutto l’apparecchio è inclinabile attraverso un piede abbattibile fissato sul fondo: oltre ad orientare in maniera ergonomicamente corretta il display del tablet, consente di ottimizzare gli ingombri una volta richiuso. Lo sbordamento del coperchio sul fondo genera 2 aree laterali che fungono da presa per il sollevamento ed il trasporto dell’apparecchio, oltre a nascondere e proteggere i plug dei cavi di connessione che si affacciano sul lato destro ed a mascherare l’accoppiamento con il fondo, che presenterà tolleranze dimensionali notevoli dovute ai limiti tecnici della termoformatura.

Torna in alto